Follow Me

    Close

    Works on Paper
    GREGORY FORSTER

    14 Novembre 2012 – 19 Gennaio 2013

    OTTO ZOO presenta Works on paper, una mostra dedicata ai lavori su carta dell’artista francese Gregory Forstner (alla sua seconda mostra in galleria), e una project room, Red Square, della giovane artista americana Kandis Williams, che espone per la prima volta in Italia.

    Gregory Forstner è un pittore appassionato e istintivo. Le sue tele, ispirate alla vasta produzione legata alla cultura del “grottesco” e all’estetica espressionista europea, rappresentano i miti, le rêveries e le derive dell’uomo comune. I disegni su carta rimangono fedeli tanto alle tematiche ricorrenti del suo lavoro, quanto all’impianto caricaturale e umoristico di costruzione dei suoi personaggi archetipici e mitologici: esseri umani raffigurati al rovescio, dove l’animalità prende il soppravvento, le Hôtesses de l’air, il sommozzatore, il pescatore, Icaro, Dedalo, Bacco.

    In mostra a Milano due serie di carboncini: la prima, Hôtesses de l’air, raggruppa ritratti di donne mascherate il cui sguardo, spesso desolato, contrasta con lo stile pomposo dell’abbigliamento e del trucco; la seconda, dedicata a Bacco e alle Baccanti, è strutturata in rappresentazioni singole e in scene di baccanali farseschi, dove è esplicito il riferimento a La grande bouffe di Marco Ferreri o ai folli personaggi di Bruegel.

    Gregory Forstner (Douala, Cameroon, 1975) ha studiato nelle accademie d’arte di Vienna, Nizza e Parigi. Nel 2008 ha ricevuto una sovvenzione da Cultures France per una residenza presso il Triangle Arts Association. Da quel momento vive e lavora a New York. Negli ultimi anni ha avuto numerose mostre personali presso istituzioni quali il Musée de Grenoble e il Musée d´Art Moderne et d´Art Contemporain di Nizza, e presso la Galerie Zink di Monaco e Berlino, la Galerie Eva Hober e la Galerie Jocelyn Wolff di Parigi. Il suo lavoro è inoltre apparso in importanti collettive, tra cui What Only Paint Can Do, alla Triangle Arts Association di New York e Le Beau est toujours bizarre, al FRAC Haute Normandie, Sotteville-lès-Rouen.