Follow Me

    Close

    Meris Angioletti

    La ricerca di Meris Angioletti indaga la relazione tra i meccanismi mentali e le forme linguistiche, la manifestazione e l’occultamento, lo spazio filmico come spazio rituale, derivanti da qualsiasi forma di narrazione. Da sempre il suo lavoro, video, perfomance, collage, fotografie, arazzi, si è soffermato in quell’area indistinta tra arte e scienza,  laddove è difficile distinguere il processo creativo dal metodo scientifico.

    Meris Angioletti è nata a Bergamo nel 1977 e vive e lavora a Parigi. Dopo aver studiato fotografia all’Accademia di Brera alla CFP Bauer, è stata in residenza a Le Pavillon – Palais de Tokyo e all’ISCP (International Studio and Curatorial Program) di New York.

    Una selezione delle sue recenti mostre personali include: L’anneau et le livre, ENSAPC YGREC, Parigi; Adagio, (con Flora Moscovici), LaBF15 espace d’art contemporain, Lione; Le Grand Jeu, FRAC Champagne-Ardenne; Danza macabra, BACO, Bergamo; While we are asleep here, we are awake somewhere else, and thus everymen is two men, Moderna Museet, The Studio, Stoccolma; Golden, Brown and Blue, galleria Schleicher/Lange, Berlino; Meris Angioletti, La Galerie – centre d’art contemporain, Noisy-Le-Sec; I describe the Way and meanwhile I am Proceeding along It, Fondazione Galleria Civica di Trento; Ginnastica Oculare, GAMeC, Bergamo; Il Paradigma Indiziario, Careof, Milano. Ha partecipato alla Biennale di Venezia del 2011 e a quella di São Paulo del 2012.